“Come costruire una pensione privata”, una piccola guida per l’uomo di strada

Da  |  8 Comments

Disponibile da ieri su Amazon.it “Come costruire una pensione privata: vademecum per l’uomo di strada”, di Carlo Sabbi ha subito ottenuto un grande successo.
L’autore, pensionato con 40 anni di esperienza nel campo assicurativo, scrive un piccolo manuale dedicandolo ai proprio figli su come costruire una pensione senza servirsi di intermediari.

L’esperienza di chi vi ha lavorato per oltre trent’anni mostra che un’alternativa è possibile, e confessa le sue riflessioni indicando consigli utili e pratici per tutelare i nostri risparmi facendoci semplicemente intermediari di noi stessi. Nato come un semplice dialogo di domande e risposte tra padre e figlio spiega come il nostro futuro pensionistico potrebbe essere molto più chiaro ed indipendente di quanto non si pensi o dica.

Contemporanea alla pubblicazione dell’eBook è stata caricata in rete una video intervista tra l’autore e il figlio.

PENSIONE-728x90

“Come costruire una pensione privata”, meno ambizioso, ma al momento forse un po’ più utile di un saggio etico.

Puoi trovare l’eBook qui





adagioe
Redazione Adagio

Casa editrice digitale

Leggi
  • M. Heimann

    Riferendomi al mio commento sul Blog al post di ieri (“Questo post è una cantonata enorme:se uno ha un lavoro precario e
    malpagato, con cosa paga la pensione integrativa? Tutt’al più, se non
    direttamente nella pubblicità, ne avrei fatto un articoletto per TZETZE,
    che tanto ormai non scandalizza più nessuno (ci si è fatto il callo…)”)noto che effettivamente, come da me suggerito, l’argomento è stato ripreso proprio da tzetze… Allora il post serviva a vendere il libro! Non è questo un modo un po’ disonesto di fare pubblicità?…

    • davide angelini

      Non vedo nulla di scorretto M. Heimann. L’unica cose che non capisco è il suo nome. Protestare senza inserire il proprio nome, non è tanto trasparente a mio avviso. Detto questo…Pubblicità si o pubblicità no, questo per Lei IL Problema…
      Ben se fossero questi i problemi di questa Italia… Credo che un individuo o un’organizzazione o altro, sia libero di fare, scrivere, pensare e gestire tutto quello che gli pare, sotto la propria responsabilità.
      Io non vedo nulla di Scorrentto o Dannoso per nessuno.

      • M. Heimann

        Anzitutto il mio nome è veramente M. (Mauro) Heimann. Non mi nascondo dietro un nick. Liquidare un “piccolo” problema rimandando a quelli più “grandi” non dimostra una buona logica… Se da una parte il Movimento è contro le attuali forme della finanza non può fare pubblicità per quelle stesse forme, magari perché il Sabbi è un amico o un attivista. Almeno non “venderle” come post nel Blog, conferendo loro una sorta di sacralità…

        • davide angelini

          Chiedo scusa per il nick. Non conosco il signor Sabbi ma forse andrebbe approfondire il libro.

          Quale logica va usata secondo Lei nella vita quotidiana? Sarebbe bello che tutto funzionasse dietro una logica, magari aristotelica.

          Come sottolineava Rudolf Steiner nel libro “La Filosofia della Libertà” (ultima revisione) l’essere umano non è affatto libero nel pensiero, proprio perchè le nostre esperienze personali di vita e di crescita ci portano a una decisione sul singolo fatto episodio ecc…, quindi la decisione non è mai libera, ma guidata dall’individuo o dagli individui stessi.

          Tutto ciò che è deciso da più individui (credo anche la pubblicazione di questo libro pubblicato su adagio), nasce inevitabilmente da un Rapporto umano. Senza di esso nulla nasce.. Anzi potrebbe nascere qualcosa ma si rischierebbe molto…

          Ho compreso forse la sua critica ma non la condivido pieno. Mi provo a spiegare.

          Concordo sul suo quando dice della difficoltà reale a pagare la pensione integrativa..

          In effetti io ora non posso, :( ma mi piacerebbe forse comprendere tutte o quasi, le sfaccettature del caso.. in il futuro non si sa mai come andrà…. Sicuramente a me la pensione della Fornero mi taglierà il futuro… Speriamo di modificarla..

          Io non sono Casaleggio e non lo conosco. Detto questo credo proprio che anche lui, le sue aziende ecc… siano libere di agire come vogliono in piena libertà, coscienza e responsabilità.

          Casaleggio e il Movimento 5 Stelle, che Lei ha menzionate sul suoi post qui sopra, non sono la medesima cosa.

          A volte la mente Mente.. Un individuo Pubblico o Politico può agire in piena libertà nella sua vita privata, e non per forza il fatto specifico va affiancato alla posizione sociale o politica di cui appartiene.

          Comunque il vento “il tempo” farà il suo giro.

          Concorda come me che Sig. Heimann che abbiamo bisogno del reddito di cittadinanza e del reddito di esistenza?

    • Gozer

      conconro il prossimo articoletto attira click sara’ ” come vivere in eterno” :)vedrai i click

      andrebbero mandati in galera!

  • marcofigini

    Cazzate sono tutte cazzate!!!!!!!!!
    L’UNICO MODO PER AVERE UNA PENSIONE!!!
    SEMPLICISSIMO MAI PIU’ POLITICI E PARTITI CHE HANNO PREGIUDICATI CONDANNATI, IN ATTESA DI CONDANNA, SOTTO INCHIESTA.

  • giuseppe

    gli unici a tagliarsi lo stipendio da parlamentari sono il M5S! Questa è la vera ed unica realtà che può permettere di avere un reddito di cittadinanza.

  • giuseppe

    il popolo italiano non ha ancora capito(ma lo capirà presto)che questo governo non considera il popolo italiano .