Massimo Fini dà l’addio alla scrittura: “Sono cieco, la mia storia di scrittore e giornalista finisce qui”

Da  |  38 Comments

“Sono diventato cieco. La mia storia di scrittore e giornalista finisce qui”. Con queste parole, pubblicate domenica 8 marzo sulla sua pagina Facebook, Massimo Fini (autore anche per Adagio eBook con il suo libro: Il Denaro Sterco del Demonio“) ha salutato i suoi lettori. “Sono diventato cieco. O, per essere più precisi, semicieco o ‘ipovedente’ per usare il linguaggio da collitorti dei medici. In sostanza non posso più leggere e quindi nemmeno scrivere. Per uno scrittore una fine, se si vuole, oltre che emblematica, a suo modo romantica, ma che mi sarei volentieri risparmiato”.

Nel suo congedo il giornalista fa riferimento al suo ultimo lavoro autobiografico: “Una Vita è quindi il mio ultimo libro. E la mia storia, di scrittore e giornalista, finisce qui. Del resto nella vita arriva sempre un momento in cui, per una ragione o per l’altra, si deve uscire di scena. Il sito rimane aperto per chi voglia sottoscrivere il Manifesto, per le mail (ho qualcuno che mi dà una mano), per inviti, conferenze, interviste perché se ho perso l’uso della vista non ho perso quello della parola e, spero, nemmeno il ben dell’intelletto. Un grazie a tutti quelli che mi hanno seguito in questi ultimi , e per me molto faticosi, anni.”

Classe 1943, di padre toscano e madre russa, dopo aver lavorato come impiegato alla Pirelli, copywriter, pubblicitario e bookmaker Massimo Fini approda al giornalismo nel 1970, lavorando nell’arco di una vita come cronista ed editorialista per quasi 100 testate tra cui l’Avanti, l’Europeo, Il Giorno, L’Indipendente, fino a collaborare con il Fatto Quotidiano ed Il Gazzettino.





adagioe
Redazione Adagio

Casa editrice digitale

Leggi
  • Dino

    Un giornalista che mi piace come scrittore e per le sue idee,in bocca al lupo

  • Laura Effri

    Sono assai dispiaciuta !!!

    • cinghy76

      anche io

  • scemo

    No, MAssimo, permetti che ti chiami così, con Affetto.
    Puo’ apparir PAggeria, ma è una Vicinanza Artistica, assai minore invero, la mia.

    Tu sei IperVedente, a dispetto dei Ciechi che han permesso la Degenerazione sociale di oggi.
    Tu Entri nella Storia dalla Porta Principale, a testa Alta.
    Molti, quelli a quattro zampe, dalla porta di Servizio.
    Onorevoli, Presidenti, Generali…

    Auguri di una gradevole Serata.
    Oggi, ora.

    Domani, ti farai una risata, pensando alla dedica di uno scemo…
    ;)

    • A Bahn

      Stavolta ” Scemo” non sei stato, anzi…!

      • scemo

        Scemo mi riesce bene solo con gli scemi…
        Grazie, ti ringrazio davvero.
        Sai essere una Persona Reale, Brillando su tante Stelle di LAtta…

  • umbvas

    ma in russia che ti hanno fatto?
    loro usano certi metodi

  • Vulka

    Rapidi e invisibili… sei cieco e vorresti fare o te la stai menando? Cosa dovrebbero dire i militari mandati a combattere all’estero e poi tornati ciechi? Questo parlando solo di subentrata cecità. Sai che da quasi due secoli esiste il sistema Braille e ad oggi è integrato in varie apparecchiature? La stesa tastiera del pc se la guardi bene riporta dei segni sui tasti F e J.

  • Mario Circello

    Un immenso grazie Massimo… Le tue opere, sono state per me nutrimento per la mente e per l’anima…

  • Danaesse

    Solidarietà ed affetto a Massimo Fini, il suo impegno di scrittore può coninuare atraverso gli amici e colaboratori che la circondano o cambiando modo di comunicare che sarà sempre utile e piacevole. Salutti cordiali.

  • Angelantonio Cibelli

    esci di scena con onore caro massimo. in italia c’è invece chi non esce mai, da una fantomatica, scena, onore a tutti anche ai vigliacchi di stato. Ti ricorderemo come un grande!

  • Gerardo Gieri

    no carisssimo sarai sempre presente e non arrenderti le parole possono contare piu della scrittura………

  • Gerardo Gieri

    tu rimani un giornalista corretto e umanamente meno cieco di tanti tuoi colleghi che pensano solo al dio denaro x il quale scriverebbero anche contro la propria madre

  • Carlo Bongiorno

    Gesu disse: “Sono venuto a dare la vista a chi non ce l’ha e a toglierla a chi dice di vedere”. Naturalmente, Gesù, si riferiva alla vista della Verità. Io, però, prendo questa frase per ricordare che Gesù ha il potere di restituire la vista, anche quella fisica. Basta credere in Lui e chiederglielo con fiducia. Qui si tratta di farsi piccoli e aprirsi alla potenza del’Onnipotente. Provaci Massimo, abbi fiducia nella Potenza.

  • luciano jaka 213

    Caro Massimo permettimi di chiamarti in questo modo affettuoso, capisco il tuo sconforto, perdere la vista in una età adulta è molto più drammatico psicologicamente, quindi rispetto la tua scelta, Ma vedrai che la tua vita da giornalista e da scrittore un giorno non molto lontano riemergerà con tutta la sua forza. Te lo dico perché ho un amico non vedente, è non vedente da un hanno dalla sua nascita, adesso è un uomo adulto e combattivo. Inoltre ti garantisco che i veri non vedenti sono i molti giornalisti e i molti uomini asserviti al potere, che chiudono i loro occhi ogni giorno (davanti alle tragedie dell’umanità, non informano e governano in modo inutile e disumano) e cercano costantemente di farli chiudere a tutti noi. quindi il vero non vedente non sei tu caro massimo, ma i veri cechi sono loro. RESISTERE! RESISTERE! RESISTERE! presto, spero, risentiremo parlare di te in senso positivo, con il tuo pensiero sempre molto acuto e critico. Ci mancherai molto, ti aspettiamo magari in un programma televisivo diretto da te, per sentire di nuovo la tua voce e le tue idee. Ma penso che se vorrai un giorno potrai scrivere di nuovo, anche meglio di prima, basta non abbattersi e avere una grande forza, penso che a te non manca. CON AFFETTO, Luciano

  • Max Rocco

    Un caro ed affettuoso saluto con la speranza che Tu possa ancora “dettare” qualche buon consiglio a chi ti segue.

  • luciano jaka 213

    Voglio dedicare questo finale del libro di Wilhem Reich dal
    titolo ascolta piccolo uomo a Massimo Fini e ha tutti noi: Qualunque cosa tu mi abbia fatto o ancora mi farai, sia che mi trasfiguri come un genio, sia che mi rinchiuda come forsennato; se mi adorerai come salvatore oppure mi impiccherai od arroterai come spia, prima o poi per forza comprenderai che io ho scoperto le leggi di ciò che vive e che ti ho offerto gli strumenti perché tu possa guidare la tua vita secondo la tua volontà e la tua meta, proprio come, finora, hai potuto dirigere solo le tue macchine. Sono stato il fedele ingegnere del tuo organismo. I tuoi pronipoti seguiranno le mie tracce e saranno buoni ingegneri della della natura umana . Io ti ho palesato l’infinito regno della vita che è in te, il regno della tua coscienza cosmica. Questo è il mio grande premio. Ma hai dittatori ed hai tiranni, agli astuti ed ai velenosi, agli scarafaggi e alle iene grido le parole di un antico saggio:Ho piantato l’insegna delle parole sacre in questo mondo,. Se da gran tempo la palma fosse rinsecchita, la roccia si disfacesse, se i monarchi risplendenti si disperdessero come foglie marce nella polvere; tuttavia, mille arche trasporteranno attraverso qualsiasi diluvio la mia parola: essa rimarrà stabile! Con affetto a Massimo Fini da Luciano.

  • Inigo Montoya

    non ci vogliono occhi per scrivere un libro, ci vogliono idee e conoscenza e quelle non ti mancano!

  • Claudio Mac

    Forza, la cecita’ci viene imposta pur godendo di 10/10 di vista. Sei grande e lo rimmarrai Max, grazie per tutto il supporto che hai distribuito in questi anni. Claudio & Tribe

  • Hidalgo

    Caro Massimo, ci sono software che scrivono per te, basta dettare loro il testo oralmente.

    Prova con il metodo Bates.
    Prova con gli occhiali con lenti stenopeiche…
    NON ARRENDERTI!

  • Apprendista Stregone

    Spero almeno, Signor Fini, di poterLa ancora leggere ogni tanto sul FattoQuotidiano, coi suoi illuminanti articoli! Come detto da altri più sotto, oggi ci sono software che permettono da aggirare l’ostacolo della vista divenuta scarsa (purtroppo)…del resto,per fortuna la tecnologia ha fatto ultimamente passi da gigante, non si arrenda!!! Con immensa stima : )

  • luciano jaka 213

    La lettera scritta
    da Massimo Fini al direttore Marco Travaglio con la risposta di Travaglio sul
    Fatto quotidiano di oggi……Massimo Fini: ”Caro Marco non ci vedo più, non posso
    leggere e quindi scrivere…Sono un giornalista, un saggista, nelle migliori delle
    ipotesi un pensatore,che ha bisogno di documentarsi…Non voglio finire come una
    suppellettile. Preferisco uscire in bellezza.Anche se con un retrogusto amaro,
    molto amaro”……………………………………………………………………………………………… Risposta di Marco Travaglio: “Caro Massimo, levati dalla testa l’idea di levarti di
    torno…Il fatto ha più che mai bisogno di te…Se non potrai leggere, potrai
    scrivere, se non potrai scrivere, potrai parlare. E non vedo dove altro potrai,
    anzi dovrai farlo, se non sul fatto quotidiano”………..IL FATTO TI ASPETTA la tua
    lettera come il tuo splendido libro “UNA VITA” dimostra che la tua testa funziona benissimo, a prescindere dagli occhi. …PS. lettera integrale completa di Massimo Fini e la riposta integrale di Marco Travaglio sul fatto quotidiano di oggi.

  • luciano jaka 213

    LETTERA SCRITTA DA MASSIMO FINI AL DIRETTORE DEL FATTO QUOTIDIANO con la risposta di Marco Travaglio sul Fatto quotidiano di oggi……Massimo Fini: ”Caro Marco non ci vedo più, non posso leggere e quindi scrivere…Sono un giornalista, un saggista, nelle migliori delle ipotesi un pensatore,che ha bisogno di documentarsi…Non voglio finire come una suppellettile. Preferisco uscire in bellezza.Anche se con un retrogusto amaro, molto amaro”………………………………………………………………….. ………………………………. Risposta di Marco Travaglio: “Caro Massimo, levati dalla testa l’idea di levarti di
    torno…Il fatto ha più che mai bisogno di te…Se non potrai leggere, potrai
    scrivere, se non potrai scrivere, potrai parlare. E non vedo dove altro potrai,
    anzi dovrai farlo, se non sul fatto quotidiano”………..IL FATTO TI ASPETTA la tua
    lettera come il tuo splendido libro “UNA VITA” dimostra che la tua testa funziona benissimo, a prescindere dagli occhi. …PS. lettera integrale completa di Massimo Fini e la riposta integrale di Marco Travaglio sul fatto quotidiano di oggi.

  • Nikki

    Non arrenderti Massimo!

  • luciano jaka 213

    Caro Massimo e dopo noi che facciamo? non ci puoi abbandonare! tu sei una ricchezza per tutti noi, i tuoi pensieri e i tuoi articoli sono unici, diversi da tutti gli altri, non ti possiamo sostituire. Assumi una persona per scrivere i tuoi articoli,puoi leggere dei libri registrati, coraggio lo so che è dura, ma non puoi abbandonarci.

  • RAGAZZO DEL FUTURO

    un abbraccio affettuoso…

  • Caterina Bergamo

    Sì non arrenderti mai, l’importante è partecipare e dire la propria al momento opportuno. Un affettuoso abbraccio.

  • Hidalgo

    e comunque qualche Passaparola ancora lo puoi fare…

  • A Bahn

    Borges divenne pressocchè cieco a 50 anni, ma questo non gli impedì di continuare a scrivere per altri 35 anni, grazie all’aiuto di parenti ed amici.
    Forza, Massimo, con un simile esempio non ti puoi abbattere…! ^^

  • Angela

    Lei detta ed io scrivo. Gratuitamente.

  • Walter Bassani

    Ho letto oggi la lettera sul Fatto Quotidiano e la risposta di Marco Travaglio. Ho provato due forti emozioni perchè entrambi siete cavalli di razza. Non mollare, Massimo perchè c’è bisogno di cervelli liberi !!!!!

  • M.L Lu

    Caro Massimo,
    non vedere con gli occhi apre ad altre percezioni. Un’ amica cieca riconosce le persone dal passo e capisce, da esso, di che umore sono, senza sbagliare mai. Molti di quelli che ci vedono non lo capiscono o sbagliano.

    Perdere la vista è una cosa terribile, ma arrendersi all’oscurità è peggio e di certo un combattente come te non si arrenderà, mai.

  • geronimo

    Passato questo periodo di sconforto, grazie alle tecnologie disponibili, tornerai a scrivere ancora più di prima, ti aspetteremo. A presto

  • Dario Malara

    Coraggio Massimo, un uomo come te che conosce benissimo i sentieri aspri che portano ad una scelta di libertà deve cogliere anche questa “opportunità” per trasmettere a “coloro che non sanno” un messaggio reso ancor più forte dalla tua menomazione. Ammesso che tu non possa più leggere o scrivere è venuto il momento di parlare e di dettare. E’ più che comprensibile questo momento di sconforto ma credo che le Prove vengano mandate solo a chi le sa superare e, secondo me, tu ne hai tutte le possibilità. NON MOLLARE ! Nando Malara

  • marco biti

    strano che non abbia deciso di candidarsi come presidente della repubblica o a qualche alta carica di governo, come la bonino o gli altri catatonici 90enni

  • http://www.scienzaverde.it/ sonia toni

    scriverai lo stesso. le alternative ci sono. in bocca al lupo

  • Antonello Alessandro

    Gli italiani che ti seguono ti seguono perchè sei uno dei pochi scrittori intellettualmente onesto quindi se hai deciso di fare aumentare la percentuale degli scrittori intellettualmente disonesti libero di farlo non te ne faccio una critica ma,nella vita non è sconfitto colui che perde ma colui che si ritira.Un sentito abbraccio.

  • mau48

    eri la mia unica occasione x comprare un giornale, mi auguro poter ascoltare ituoi interventi su internet, la tv mi ha massacrato il cervello, un caro abbraccio