Leggete sugli e-reader. Perché su smartphone e tablet fa male al sonno

Da  |  3 Comments

Siete accaniti lettori ma leggete su iPad, Kindle, Nook o qualsiasi altro tipo di e-reader? Bene, sappiate che leggere un buon libro di sera su display, prima di addormentarvi, può essere dannoso per il vostro riposo notturno. Lo afferma un nuovo studio condotto dai ricercatori del Brigham and Women.

In pratica, gli emettitori di luce dei dispositivi elettronici (LE-eBook), in particolare degli iPads, tiene i lettori svegli più a lungo rispetto a quanti leggono un classico libro stampato. I ricercatori, dunque, hanno confrontato gli “effetti biologici” della lettura di un eBook rispetto a quelli relativi al libro cartaceo e hanno constatato come i primi abbiano un “impatto negativo sulla la salute in generale, sull’essere vigile e sull’orologio circadiano che sincronizza il ritmo quotidiano del sonno agli stimoli ambientali esterni del tempo”.

Relativamente ai ritmi circadiani naturali del corpo, si è dedotto che questi vengono interrotti dalla luce arricchita da brevi lunghezze d’onda, ovvero la caratteristica luce blu emessa da questi dispositivi elettronici. “I partecipanti alla lettura di un LE-eBook dimostrano di impiegare più tempo per addormentarsi e hanno una ridotta sonnolenza serale, oltre ad una scarsa secrezione di melatonina e mediocre vigilanza al mattino”, il tutto rapportato alla classica lettura di un libro. Lo afferma Anne-Marie Chang, autrice dello studio e neuroscienziato associato presso il BWH’s Division of Sleep and Circadian Disorders.

Durante le fasi della ricerca, 12 partecipanti sono stati invitati a leggere un ebook su iPad nel corso di due settimane. La lettura doveva essere effettuata per quattro ore prima di andare a dormire ogni sera e per cinque notti consecutive. La stessa “abitudine” è stata ripetuta con i libri stampati e da un altro gruppo di soggetti. I partecipanti alla lettura su iPad hanno impiegato più tempo per addormentarsi, erano meno sonnolenti nel corso della serata e hanno avuto una fase di sonno REM più breve. I lettori su dispositivo, inoltre, hanno dimostrato di avere una ridotta secrezione di melatonina, un ormone che aumenta normalmente la sera e svolge un ruolo determinante nell’indurre la sonnolenza. Ma non è tutto. I lettori su iPad avevano un ritmo circadiano ritardato di oltre un’ora, come indicato dai livelli di melatonina. I soggetti partecipanti ai test erano meno assonnati prima di coricarsi, ma distratti e meno vigili la mattina seguente dopo otto ore di sonno.

Sebbene in questo studio siano stati utilizzati iPad, i ricercatori hanno voluto approfondire anche gli effetti sul sonno prodotti da altri eReader, come i computer portatili, i telefoni cellulari e i monitor di altri dispositivi elettronici. Comunque, tutti quelli che emettono luce blu LED. “Negli ultimi cinquant’anni, c’è stata una diminuzione della durata media del sonno e della sua qualità”, ha dichiarato il dottor Charles Czeisler, del BWH’s Division of Sleep and Circadian Disorders. “Dal momento che sempre più persone stanno scegliendo i dispositivi elettronici per la lettura, per la comunicazione e l’intrattenimento, in particolare i bambini e gli adolescenti che già soffrono di una significativa perdita di sonno, è urgente eseguire una ricerca epidemiologica per valutare le conseguenze a lungo termine gli effetti di questi dispositivi sulla salute e sulla sicurezza”.

I ricercatori ritengono che studi come questo siano importanti perché la riduzione cronica della secrezione di melatonina causata dall’esposizione alla luce durante la notte è stata collegata ad un gran numero di malattie come ilcancro al seno e al colon-retto e il cancro alla prostata. Quindi, forse è il momento di rinnovare la tessera della biblioteca e di mettere un buon libro sul proprio comodino.
(fonte)





adagioe
Redazione Adagio

Casa editrice digitale

Leggi
  • digentras

    mia soluzione finale,non leggo,evito di inquinare la mia rozza,primordiale ma funzionante etica.giudico dai fatti e risultati e non da quello che dice o scrive chissà chi o inevitabilmente per chi.

  • giunta

    Scaricate su tablet un filtro anti luce blu. Con me ha funzionato alla grande

  • fazio pellegrino

    A me di notte fa male il cetriolo che mi infila frottolo di giorno